LE “FESTAROLE” DE’ LA MADONNA ADDOLORATA.

 

 

 

 

 

Sessimo a la terza Domenica de Settembre

le festarole erono pronte come sempre,

‘I prete l’ea ricavate quattro proprio belline

due diqquà e due dillà dal fosso de le Rocchine

pe la cerca quarcosa i’avrae dato anche tu!

Perché co’ le quatrine se manna l’acqua pellinsù!

Poe come tutte l’anne era arrivata

la “Festa de’ la Madonna Addolorata”.

Arrivonno le musicante che era ‘n po’ presto

loro erono pronte e ‘I core battea lesto.

“Regà l’ete mesa la medaja su la veste?”

“Si l’emo mal collo col nastro celeste!”

La musica attaccò e giuppe la piazza pijarono via

“che vestite belle anche quest’anno Gesummaria!”

‘n dolore ma le bracce p’arrivà s’a la chiesa

“Dio ce scampe e’llibbere sto cero quante pesa!”

Le giovanotte aspettavono lì davante

Pronte pe pijà ‘I cero co le guante bianche

Mal regazzo però gne lo facevono regge mae

sinnò portava male e doppo erono guae.

Pregate la Madonna tutte “Fije de Maria”

Lee ve guarda ,ve protegge e così sempre sia.

                                                             ti. ra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                       L’ ECLISSE

 


 

N’ce seste ler’sera s’a la pineta?

Sessimo n’branco, vedesse che muntino,

pianarono sù anche ‘l prete e ‘l primo cittadino.

Sessimo ite a vedè l’eclisse.

Parea che quel sole

che piano piano se copria

c’esse da dì quarcosa, ce suggeria...

Quanne guardao su me sentio strigne ‘l core.

Pensa popò tu me parea d’esse davant’ al Signore:

parea ‘l giorno del giudizio universale.

 

Da quella palla rosso foco

Lue ce guatiava e mesà che pensava male.

Sessimo diventate tutte rosse supp’el muso

e a pensacce bene, adesso,

pe’ la vergogna, mica pel riflesso.

Gesummaria, se sarà meso le mane ma le capelle

a vedè sto monno sciuprinato e grezzo.

Ecchice sè, accapace che mò ce f’anche ‘l pezzo!

Ma Lue no, sti cose nu’ le fa,

è da noe che c’emo da pensà!

 

Ma ve credete davero che noe

nu’ lo sapessimo?

Nun v’arincresce popo’?

Mirampò le gente che s’ammazzono!

Mirampò...la natura martrattata

mò ce s’è arivortata!

Mira popò ‘sto monno come l’emo ridotto!

Pensamo solo ma le sorde e ma le feste,

Mbè? Mo nun di’ che tu n’ce seste!

Perchè la colpa è tua, mia e de tutte quell’artre!

 

‘Na fortuna che ‘l Signore c’ha visto man tutte:

Mammè, mattè, mallue e anche man quelle mellì.

Certo, mò n’arebbe che ce perdonasse,

ma noe l’emo capito o no

che c’emo da stà perbene meqquì?

Mesà mianno de vede

come annarà a funì.

                                                                                                                                          Ti.ra.

1° classificata (Concorso di poesia sez. dialettale) Castel Giorgio 22/02/1997