CALCIO  E  CICLISMO  A  CASTEL GIORGIO 

 

 

1.       il ciclismo.

 

La “nuova” edizione del  “Gran premio ciclistico san Pancrazio” di Castel Giorgio è giunta – nel 2002 - al suo nono anno.

Si deve qualificare come nuova edizione perché la gara ciclistica – da sempre riservata a corridori dilettanti – vanta una ben più lunga tradizione: si potrebbero benissimo annoverare oltre cinquanta edizioni se si considera il fatto che in un manifesto murale relativo alla festa di san Pancrazio del 1924 si legge infatti che la manifestazione si svolgeva già in quell’anno sul percorso “Castel Giorgio; Castel Viscardo; Monterubiaglio; Orvieto segheria; Villanova; Colonnetta; Castel Giorgio – corsa ciclistica di resistenza con partenza alle ore 8,30 del mattino e con tempo massimo di un’ora e quaranta minuti – premi: primo premio £.80 – secondo £.40 – terzo £.20.”

Sicuramente inoltre la gara ciclistica si svolgeva già qualche anno prima del 1924 anche se non si hanno documentazioni certe al riguardo.

 

Negli anni verso il 1930 la corsa fu effettuata sullo stesso percorso con una valenza diversa: non più “a resistenza” ma come classica corsa su strada.

 

Durante il periodo bellico e per quasi un decennio dal 1938 la corsa non si tenne e fu ripresa nel 1949 sul circuito urbano di via Marconi, via del Boschetto, via Romanova, via Marconi per un chilometro e trecento metri al giro, per quaranta giri e quindi per totali 52 chilometri.

Dal 1949 fino al 1960, con qualche interruzione annuale, furono effettuate ben otto edizioni su questo circuito.

Due anni dopo la realizzazione della “variante” [oggi via Parma], e precisamente nel 1963, la gara venne riproposta sul nuovo tracciato, che è poi quello attuale, di via Marconi, via Cupa, via Parma, Peperuzzo, via Maremmana, via Carrari con arrivo in via Marconi e della lunghezza di tre chilometri e seicento metri.

 

Nel 1966 per l’organizzazione della corsa fu costituito un apposito sodalizio denominato “Associazione ciclistica san Pancrazio” che la gestì fino alla fine degli anni ’70.

Dopo qualche anno di sospensione, dal 1986 al 1992 il giro  fu organizzato dal Gruppo sportivo Elettr. Ca. di Narni per essere poi nuovamente interrotto dal 1993 al 2000.

Nel 1995 era stato intanto costituito a Castel Giorgio il Gruppo S. Primavera ciclistica con lo scopo di rilanciare questa manifestazione: la presente edizione e quella dell’anno 2001,  sono state gestite e curate infatti dal G. Sportivo Primavera.

Sono molti ovviamente i corridori che hanno partecipato negli anni alle varie gare tra cui ci sembra giusto ed opportuno ricordare i nomi di Perona, di L.Trapè [ pluridecorato alle Olimpiadi del 1960], di Ranucci [poi professionista], di G. Montedori [attuale tecnico della Nazionale italiana] e, più recentemente, di G. Petito [attualmente tra i professionisti].

L’attuale percorso ha una lunghezza di 3600 metri ed a livello tecnico agonistico, pur dando l’impressione di essere semplice, allo stato dei fatti si presenta invece abbastanza impegnativo e selettivo e particolarmente adatto per i corridori passisti.

                        [ Enzo P. 2003]

2.       il calcio.

 

L’Unione sportiva Castel Giorgio.

 

Il sodalizio fu ufficialmente fondato nel 1966 con la presidenza del sig. CECCOLINI Valerio ed è passato, nel corso del suoi 36 anni di attività, attraverso la gestione dei Presidenti PETRELLA Americo, MAZZOCCHINI Carlo Alberto, PERUGINI Roberto, MANUCCI Giuseppe, BRILLO Franco, FOCARELLI Pietro, TARMATI Marco e, fino al 2002, CARDARELLI Nascenzio.

La circostanza della creazione dell’Associazione sportiva Castel Giorgio [questo il suo primo nome], prese lo spunto dall’esigenza di ufficializzare quelle attività calcistiche amatoriali che si erano andate sviluppando fino a qualche anno prima: Zebrette contro Stellati [giocata nell’area ove oggi sorge l’attuale distributore Fina lungo la spianata]; Castel Giorgio contro Torre Alfina; Castel Viscardo contro Castel Giorgio; Juventus contro tutti; ed altre partite del genere giocate anche in un capo di stoppia sito a sinistra della strada per la pineta dalla parte opposta dell’attuale campo sportivo.

Nel 1966 dunque l’esordio ufficiale fu con l’iscrizione al campionato CSI per iniziativa dell’allora Parroco don Decio: la prima partita ad Orvieto scalo fu persa per due a zero. Alla guida della squadra l’allenatore PACETTI Memmo . Vari gli allenatori che si succedettero sulla panchina del Castel Giorgio ma una menzione unanime va fatta per il sig. Luigi CASTELLETTA per la serietà e la didattica che lo contraddistinsero.

Nel 1966-1967 la squadra vince il campionato Juniores con la seguente formazione [in ordine alfabetico]: ANSELMI Giuseppe; BANELLA Luciano; BASILI Giorgio; FABBRETTI Giorgio; FAUSTO Antonio; FERRI Ezio; NUCCI Corrado; PAGLIALUNGA Efisio; PRUDENZI Enzo; TIBERI Luciano; ZIRBA Enzo.

Il nome del sodalizio ha subito – nel corso degli anni – vari cambiamenti: dall’originaria Associazione sportiva si passò a GRUPPO SPORTIVO, quindi a GRUPPO SPORTIVO VIRTUS, poi ad ASSOCIAZIONE CALCISTICA, UNIONE SPORTIVA ALFINA E, come attualmente, UNIONE SPORTIVA CASTEL GIORGIO.

Nel decennio 1970-1980 la squadra partecipa ai campionati FIGC di terza categoria con alterne fortune; nel periodo in questione è da annoverare la vittoria – per due anni – del torneo estivo di San Lorenzo nuovo.

Sensibile a recepire le esigenze della collettività paesana, nel periodo dal 1973 al 1979, il gruppo sportivo Virtus organizza annualmente, durante l’estate, il Torneo dei Rioni: Buca; Cupa; Piazza; Romanova che tanto seguito ebbe da parte della popolazione tutta.

All’inizio degli anni 1980 la squadra, da sempre in terza categoria, viene promossa, per la prima volta, in seconda categoria e nel 1982 vince il prestigioso Torneo del bar di Orvieto.

Dal 1983 ritornerà a militare nella terza categoria per ritornare in seconda nella stagione 1986-1987 quando si contenderà con uno spareggio addirittura l’accesso alla prima categoria.

In questi ultimi anni la gestione dell’unione sportiva C.Giorgio si caratterizza per il maggior impegno che viene devoluto ai campionati giovanili: pulcini, esordienti, allievi, etc.

Attualmente, senza tralasciare la citata didattica calcistica giovanile, la squadra che partecipava al campionato Umbro di terza categoria, è stata promossa in seconda categoria.

                                                                             

enzo p. 2003, august.