Organi amministrativi Cultura generale
Il Dialetto  
Mercati settimanali  Orari farmacie

 

Notizie  sul  Comune  di  Castel Giorgio

 

 

 

                                                                                       

     ubicazione

Umbria, provincia di Terni

  altitudine

m.560 sul livello del mare

superficie

kmq. 42,35

popolazione

2.138 abitanti al 30.11.2004

Sindaco in carica

Peparello Pierluigi

codice Istat

055009

codice avviamento postale

05013

prefisso teleselettivo

0763

famiglie [dati al 30/11/ 2002]

887

abitazioni occupate [al 2000]

839

densità demografica

50,48 abit.Kmq. [al 2001]

divisione per sesso

1020 maschi 1118 femmine

abbonati telefono uso privato

804

autovetture circolanti

1.247

sportelli bancari

1  [Cassa Risparm. Orvieto]

partite Iva

408

ICI/abitanti [dati del 1999]

221.938.000 [in lire]

 

altezza su livello del mare espressa in metri

Palazzo Comunale

559

Minima

300

Massima

690

Escursione Altimetrica

390

Zona Altimetrica

collina interna

Coordinate

Latitudine

42 gradi 42'23"40 N

Longitudine

11 gradi 58'38"28 E

 

 

 

Numeri telefonici utili:

 

Comune: 0763.627013 – 627093

Carabinieri : 0763.627222 – 627021

Farmacia: 0763.627016

Guardia Medica [Monterubiaglio]: 0763.626180

Pronto soccorso  H  Orvieto: 0763.3071

Gas: guasti e dispersioni: 800.900999

 

 

 

 i mercati settimanali

 

Allerona - mercoledì

Castel Giorgio – sabato

 Castel Viscardo - venerdì -

Orvieto - giovedì

Porano - venerdì

 

 

 

vvvvvvvvvvvvvv

Torna indietro

 

 

Farmacie

 

Dal 18 / 01

Al  25 / 01

Bonaduce

Allerona Scalo

Dal 25 / 01

Al 01 / 02

Bettaccini

Castel Giorgio

Dal 01 / 02

Al 08 / 02

Gianfermo

Castel Viscardo

Dal 08 /02

Al 15 / 02

Bonaduce

Allerona Scalo

Dal 15 / 02

Al 22 / 02

Bettaccini

Castel Giorgio

Dal 22 / 02

Al 01 / 03

Gianfermo

Castel Viscardo

Dal 01 / 03

Al 08 / 03

Bonaduce

Allerona scalo

Dal 08 / 03

Al 15 / 03

Bettaccini

Castel Giorgio

Dal 15 / 03

Al 22 / 03

Gianfermo

Castel Viscardo

Dal 22 / 03

Al 29 / 03

Bonaduce

Allerona Scalo

Dal 29 / 03

Al 05 / 04

Bettaccini

Castel Giorgio

Dal 05 / 04

Al 12 / 04

Gianfermo

Castel Viscardo

Dal 12 / 04

Al 19 / 04

Bonaduce

Allerona Scalo

Dal 19 / 04

Al 26 / 04

Bettaccini

Castel Giorgio

Dal 26 / 04

Al 03 / 05

Gianfermo

Castel Viscardo

Dal 03 / 05

Al 10 / 05

Bonaduce

Allerona Scalo

Dal 10 / 05

Al 17 / 05

Bettaccini

Castel Giorgio

Dal 17 / 05

Al 24 / 05

Gianfermo

Castel Viscardo

Dal 24 / 05

Al 31 / 05

Bonaduce

Allerona Scalo

Dal 31 / 05

Al 07 / 06

Bettaccini

Castel Giorgio

Dal 07 / 06

Al 14 / 06

Gianfermo

Castel Viscardo

Dal 14 / 06

Al 21 / 06

Bonaduce

Allerona Scalo

Dal 21 / 06

Al 28 / 06

Bettaccini

Castel Giorgio

Dal 28 / 06

Al 05 / 07

Gianfermo

Castel Viscardo

Turni  delle farmacie rurali di:

Castel Giorgio, Castel Viscardo e Allerona

 

SEMESTRE 2003

 

La farmacia in servizio di turno assicura il servizio durante:

chiusura pomeridiana, sabato pomeriggio,

domenica, feste

infrasettimanali e notturno ricadenti nell’ intervallo

 

Torna indietro

 

 

 

 

  CASTEL GIORGIO:  NOTIZIE  GEOGRAFICHE

 

Castel Giorgio, che dista da Orvieto 20 km., si trova a 560m. sul livello del mare, in Umbria, ai confini con Lazio e Toscana, vicinissimo al lago di Bolsena e non lontano dal Monte Amiata. 

E’ un paese un po’ diverso dagli altri centri storici della zona: a vocazione prima agricola ed ora turistica ha come componente essenziale la sua posizione climatica evidenziata dalla presenza, sull’altopiano dell’ Alfina di molte residenze storiche come il Castello di Montalfina, quello di Montiolo, il palazzo di Pecorone, la villa di casa Pisana ed altri.

Il paese conserva ancora molto delle feste agresti di un tempo la piùsuggestiva delle quali è “ l’ arzata e la rancata del maggio” che si svolgono l’11 e 12 maggio, in occasione della festa del patrono San Pancrazio.

Castelgiorgio, 20 kms west of Orvieto, lies at 560 m asl (above sea level) in western Umbria, by the borders between Latium and Tuscany, very close to Bolsena lake (only a few minutes' drive), and not very far from Mount Amiata as well.

It's a village with some peculiar features that make it a bit different from the other historical centres of the area: formerly a rural village at the centre of the Alfina volcanic plateau, later developped into a turistic resort, due to the climatic position evidenced by the presence of several historic mansions in its environments,  like Montalfina, Pecorone, Montiolo, Casa Pisana, to mention only a few.

The village preserves a lot of the rural traditions of the past days, witnessed by its holidays, the most significant of which is, perhaps, the “arzata e rancata der maggio” (the rise and climbing of the pole), on the 11th and the 12th of May, during the celebration of the Holy Patron Saint Pancrace.

 

 

Torna indietro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CASTEL GIORGIO: IL DIALETTO

 

Il dialetto castelgiorgese ha, come peraltro tutti i dialetti dei paesi limitrofi, delle caratteristiche proprie che consentono di distinguerlo nettamente da quelli confinanti sia del Lazio, della Toscana che della stessa Umbria.

La posizione del paese ed i rapporti di cultura, commercio e di traffico che il Comune ebbe nel corso della sua storia, in special modo con la Toscana, l’influenza esercitata da Roma su tutta l’Italia centrale fino agli inizi del 1900, portarono infatti ad una diffusione di  elementi dialettali dissimili che finirono col dare ai dialetti dei paesi di questa zona influenze ed originalità diverse.

Alla base della parlata  castelgiorgese si trovano comunque molti elementi comuni ai dialetti dei paesi viciniori come ad esempio le assimilazioni di –nd  in –nn  [es. quanno per quando] e  -mb  in -mm.  Il troncamento dell’infinito [es. legà per legare; vedè per vedere, etc.]. La semplificazione di  glio  in  jo  [es. vojo per voglio, fijo per figlio, etc.]. La contrazione di  uo  in  [es. ovo per uovo, etc.].  Alcuni fenomeni di trasformazione delle vocali e delle consonanti appaiono invece tipicamente affini al dialetto umbro in special modo nell’uso del plurale [es. cane per cani; funghe per funghi, etc.].   Fino a qualche anno indietro era largamente diffuso lo scambio di  -a  ed  -e  con  -i   e viceversa [es. rigazza per ragazza; rigalo per regalo; despetto per dispetto, etc.].

Per quanto riguarda le consonanti, oltre alla già ricordata assimilazione  di  -nd ,  -mb,  in  -mm  che è comune a tutta l’Italia centrale ma non abbraccia tutta l’Umbria, è da notare che il gruppo composto da  -b  -v  con  -j  si risolve in  -j   così come il gruppo  -ng  si trasforma comunemente in  -gn  [es.piagne per piange; stregne per stringe, etc.].

Il nostro dialetto si allontana però da quei canoni comuni soprattutto per l’uso che fa di parole e modi di dire che non hanno analogie né similitudini con altre pure usate nei paesi vicini per indicare la medesima cosa.

Tali parole di cui si fa ancora uso corrente nel parlare quotidiano, soprattutto da parte dei più anziani,  costituisce il vero patrimonio etimologico da recepire e conservare.

 

[dal volume di Enzo Prudenzi – Castel Giorgio ed i suoi 500 anni – 1977]

 

 

Torna indietro